viabilita
carbon accreditation
facebook enac

AEROPORTO DI VERONA – STRATEGIA COMMERCIALE SVILUPPO NETWORK

Ai sensi delle Linee Guida inerenti le incentivazioni per l’avviamento e lo sviluppo di rotte aeree da parte dei vettori, in particolare art. 5 lettera b1) si propone la strategia commerciale sviluppo network.
L’Aeroporto di Verona ha definito una propria strategia di sviluppo network atta a rilanciare la connettività dello scalo a livello domestico, comunitario ed extra-comunitario, attraverso il rafforzamento e l’ampliamento dei collegamenti esistenti sulla base delle esigenze del proprio bacino d’utenza, crocevia italiano di primario interesse economico e turistico, contribuendo pertanto a generare lo sviluppo di nuovi business sul territorio circostante.
Si basa sui seguenti quattro punti fondamentali:

1.- Home Carrier – individuazione e consolidamento di uno o più vettori basati sullo scalo, con lo scopo di offrire collegamenti verso destinazioni richieste dal bacino d’utenza locale, per finalità sia business che turistiche.

2.- Vettori Network – intensificazione dei collegamenti verso i principali hub europei al fine di sviluppare un’efficiente rete di connessioni verso le destinazioni internazionali ed intercontinentali maggiormente richieste dall’utenza.

3.- Collegamenti punto-a-punto – sviluppo di servizi di linea diretti verso destinazioni specifiche, sia domestiche che internazionali, con volumi tali da sostenere la rotta, garantendo allo scalo e, conseguentemente al  territorio, una migliore accessibilità.

L’Aeroporto di Verona, con lo scopo di perseguire i propri obiettivi, intende attrarre nuovi vettori, sviluppare nuove destinazioni e rafforzare le esistenti, avvalendosi di un programma d’incentivazione basato su contributi di marketing direttamente proporzionali all’investimento che i vettori effettueranno sullo scalo, a partire dalla stagione IATA Summer 2016.

Nello specifico, il programma d’incentivazione è stato definito rispettando i parametri di oggettività, trasparenza, temporaneità e non discriminazione e trova applicazione nei seguenti casi:

A.- Nuove rotte di linea
L’incentivo sarà disponibile per i vettori in forma direttamente proporzionale a:
• Numero di frequenze settimanali operate su base annuale (in caso di collegamenti stagionali l’importo sarà pro-ratato);
• Capacità offerta sulla nuova rotta, differenziando l’incentivo tra Regional, Narrow Body e Wide Body Aircraft;
• Tipologia della destinazione, differenziando tra domestico, comunitario ed extracomunitario.

Per poter accedere al programma d’incentivazione il vettore è tenuto a
• Operare il nuovo collegamento per un periodo non inferiore alle 5 settimane continuative;
• Garantire regolarità e continuità all’utenza limitando le cancellazioni di carattere operativo al 5% dell’intera programmazione;

B.- Rotte di linea sotto-servite

Per rotta sotto-servita s’intende:
 I      Una rotta già operata in cui un nuovo vettore esprima la volontà di incrementare l’esistente capacità del 150% rispetto alle precedenti due stagioni IATA;
 II     Una rotta tradizionalmente stagionale in cui il vettore esprima la volontà di destagionalizzare l’offerta;
 III    Un collegamento ad un hub in cui il vettore, attraverso l’incremento di capacità, contribuisca al miglioramento della connettività dell’Aeroporto di Verona;
 IV   Una rotta in cui il vettore operante incrementi di almeno il 25% la capacità, sia attraverso un aumento della dimensione media dell’aeromobile, che attraverso un incremento delle frequenze settimanali operate.
Il programma d’incentivazione sarà applicabile, nei casi I, II e III sopra descritti, sulla base dei criteri evidenziati al punto A (nuove rotte di linea), ma verrà ridotto nell’entità, allo scopo di riconoscere la minor valenza strategica di una rotta sotto-servita, che insiste su un mercato già stimolato, rispetto all’avviamento di una nuova rotta.

C.- Volumi di traffico
Per vettori di linea in grado di condividere con l’Aeroporto di Verona piani di traffico pluriennali, evidenziando così la capacità di contribuire alla crescita effettiva dei volumi aeroportuali, è previsto un programma d’incentivo basato su un importo definito per passeggero in partenza, modulato su soglie minime di volumi, che a titolo esemplificativo posso essere individuate in:
- 250.000 passeggeri annuali in partenza;

- 500.000 passeggeri annuali  in partenza.

L’Aeroporto di Verona, in materia di programmi d’incentivazione, considera fondamentale il concetto di libera iniziativa imprenditoriale e pertanto si riserva il diritto di valutare ulteriori forme d’incentivazione e co-marketing con vettori che intendano sviluppare programmi di incremento destinazioni e volumi passeggeri, strategici per  la crescita e la sostenibilità economica dello scalo.
L’Aeroporto di Verona rende altresì noto che il programma d’incentivazione sarà fruibile dal vettore solo alle condizioni sopra descritte e previa sottoscrizione di specifico contratto, oggetto dell’incentivazione.
Per richiedere l’ammissione al programma d’incentivazione i vettori dovranno trasmettere il proprio programma di sviluppo all’indirizzo  pec.segreteria@aeroportoverona.telecompost.it