viabilita
carbon accreditation
facebook enac
03/08/2007

L’AEROPORTO DI BRESCIA MONTICHIARI DIVENTA CIVILE

La Catullo sempre più vicina all’ottenimento della concessione per gli Aeroporti di Verona e Brescia

In data odierna il Ministero della Difesa, di concerto con i Trasporti, le Infrastrutture e l’Economia, ha emanato il decreto con cui l’Aeroporto di Brescia Montichiari è stato trasformato da militare a civile.

Inoltre, il decreto citato prevede che l’ENAV assuma direttamente i servizi di assistenza al traffico aereo sull’Aeroporto bresciano.

Questo decreto, che arriva alla fine di un lungo percorso portato avanti dalla Catullo con il Ministero della Difesa e dei Trasporti per l’individuazione delle aree costituenti il sedime di Brescia Montichiari, rappresenta un tassello fondamentale nell’iter procedurale che dovrebbe portare in breve tempo la Catullo ad ottenere la concessione quarantennale per gli Aeroporti di Verona e Brescia.

Infatti, la natura totalmente militare dell’Aeroporto di Montichiari rendeva più difficoltoso fino ad oggi il proseguimento dell’iter sopra citato.

Il Presidente Cavalleri esprime piena soddisfazione per questo risultato e ringrazia tutti coloro che si sono adoperati per l’ottenimento del cambio di status: il Vice Presidente della Catullo Pierluigi Angeli, tutti i Soci ed in particolare il Presidente della Provincia Autonoma di Trento Lorenzo Dellai e i Parlamentari di bacino.

Questo provvedimento è il riconoscimento degli sforzi fatti dalla Catullo in questi anni per il potenziamento infrastrutturale dell’Aeroporto e del suo programmato sviluppo che, alla luce di quanto sopra, si presenta più roseo.