viabilita
carbon accreditation
facebook enac
21/02/2007

MARKETING TERRITORIALE

La sensibilità al marketing territoriale, già dimostrata dai progetti Reti di Città e Area Metropolitana, ha guidato gli Enti del Territorio, con Verona, Mantova e Trento come prime sostenitrici dell’idea, e Brescia e Vicenza a completare il quadro, verso la costituzione di un vero e proprio programma di sviluppo turistico ed economico dell’intera area delle cinque province. Il progetto, che per naturale vocazione ha nella mobilità il principale punto di riferimento, è completato dall’apertura di nove nuovi collegamenti tra Verona e l’Europa, gestiti da Air Italy e operativi dall’aeroporto Valerio Catullo. L’iniziativa, a forte contenuto innovativo e coerente con le linee di sviluppo turistico tracciate dal Governo, che ha avuto un prezioso supporto nella fase preparatoria e di studio dagli Enti Territoriali (Comuni e Province, Regione Veneto, Camere di Commercio, Associazioni Industriali e Commercianti, enti economici e finanziari, e consorzi di promozione) raccoglierà, in una apposita “cabina di regia”, le entità pubbliche e private che potranno contribuire fattivamente al successo di un’idea sicuramente vincente. La notizia di nove nuovi collegamenti tra l’aeroporto Catullo di Verona e altrettante grandi città europee, con una nuova compagnia aerea low cost creata da Air Italy, sarebbe già di per sé molto importante. Collegare il centro di cinque province diverse ma complementari e ricche di attrattive turistiche, commerciali ed industriali quali Brescia, Mantova, Trento, Verona e Vicenza a Mosca, Sofia, Praga, Varsavia, Parigi, Londra, Madrid, Berlino e Barcellona costituisce infatti una importante premessa ad un ulteriore sviluppo turistico ed economico dell’intera area. Ma ciò che è stato annunciato questa mattina a Verona, nella sede confindustriale, è decisamente di più e ancora più importante: per la prima volta il progetto di sviluppo del territorio è stato realizzato armoniosamente creando, insieme ai collegamenti che inizieranno il primo di giugno, una Società di Marketing territoriale che ha lo scopo di offrire al traffico turistico e imprenditoriale, una serie di servizi che anticipino le richieste e rispondano alle aspettative del milione di visitatori annui in più rispetto ad oggi, posti quale obiettivo all’intero progetto. La Società di Marketing Territoriale ha tra i suoi ruoli primari la creazione, per il Territorio, di una identità forte e riconoscibile. In parallelo svilupperà in modo razionale ed avvalendosi delle tecnologie più attuali, l’informazione sull’offerta dell’area coperta dalle cinque province, razionalizzando e raccogliendo in categorie omogenee tutto ciò che un visitatore può attendersi. Alberghi e ristoranti in rete, classificati secondo tipologia, calendari dei più diversi eventi e modalità di prenotazione e accesso, offerte specifiche nei settori dell’arte e della cultura, dello sport e del wellness e del tempo libero, oltre a fornire le informazioni di base su collegamenti e servizi. Il potenziale di queste attività, alle quali saranno chiamati a collaborare tutti gli enti dedicati alla promozione del Territorio, è enorme ma soprattutto indispensabile da sfruttare di fronte alla crescente concorrenza internazionale sul mercato del turismo. “In un certo senso dobbiamo considerare il nostro Territorio come un prodotto, e gestirlo come tale” ha affermato Sandro Boscaini, presidente di Masi Agricola e membro del Consiglio di amministrazione della nuova Società di Marketing Territoriale “la ricchezza dell’offerta delle nostre città, dei laghi, delle montagne del Trentino, le tante occasioni sportive, di divertimento e turistiche, fanno sì che per noi la stagione turistica non si fermi mai. Possiamo, se ben organizzati, fare una seria concorrenza a quei Paesi che offrono un turismo stagionale e generalmente monotematico. E’ una grande iniziativa della quale dobbiamo essere orgogliosi ed alla quale dobbiamo tutti collaborare”. La crescita del Sistema Aeroporti del Garda, che include il Catullo di Verona e il D’Annunzio di Brescia sempre più orientato al traffico cargo ma pronto ad integrare lo sviluppo con nuovi voli passeggeri, costituisce un elemento cardine dell’economia dell’intera area “e non solo” commenta Fulvio Cavalleri, Presidente dell’aeroporto veronese: “la scelta di Air Italy di sviluppare ulteriormente i collegamenti da Verona oggi e in prospettiva anche da Brescia oltre a quella, da noi fortemente voluta, della costituzione di una Società per lo sviluppo del Territorio, costituiscono un passaggio fondamentale per il ruolo che potrà avere nel tessuto economico e turistico di questa area. Col superamento dei tre milioni di passeggeri nel 2006, Verona costituisce già una grande realtà nel panorama aeroportuale italiano. Ma sarebbe un errore fermarsi al successo raggiunto: un sistema aeroportuale con maggior traffico è in grado di offrire servizi migliori, di aver maggior peso internazionale nella negoziazione delle rotte e di sviluppare in modo più utile ai passeggeri la propria attività. Verona e Brescia ha una posizione ideale che non limita il servizio alle province limitrofe, ma estende il suo bacino di utenza a Modena, Bolzano e Padova venendo incontro ad esigenze di mobilità sempre più elevate” Per un maggiore coinvolgimento del Territorio si è pensato inoltre che la denominazione sociale definitiva della Società di Marketing Territoriale scaturisca da un concorso di idee che sarà indetto dalla società medesima, nelle cinque province sopra citate e aperto alle alle scuole e ai privati cittadini. Come indicato, la Compagnia inizierà i voli dal primo di giugno e già da oggi, sul sito www.airitaly.it, è possibile effettuare le prenotazioni con tratte che avranno un costo, tutto incluso, da 35 euro per tutti i collegamenti ad eccezione di Mosca, per la quale la tariffa di lancio sarà di 75 euro. In parallelo inizierà la parte organizzativa del Territorio attraverso l’operatività della Società di Marketing Territoriale alla cui presidenza è stato nominato Giovanni Aspes. Questo importante lavoro dovrà rispondere con precisione ed efficacia, non soltanto ad una esigenza dell’intero progetto, ma anche alle indicazioni del Governo sullo sviluppo delle attività turistiche. Immagini: - (foto 1) da sinistra Sandro Boscaini, Fulvio Cavalleri e Gentilini - (foto 2) Assessore al Turismo della Provincia di Trento Tiziano Mellarini - (foto 3) Vice Presidente della Regione Veneto Luca Zaira - (foto 4) - (foto 5) Il tavolo dei relatori - (foto 6)