viabilita
carbon accreditation
facebook enac
24/03/2015

CATULLO e SAVE interrompono ogni trattativa con SACBO in merito all’aeroporto di Brescia a causa del mancato rispetto degli accordi finora assunti.


                                                                                          

COMUNICATO STAMPA                                                                                                                                                                       

CATULLO e SAVE interrompono ogni trattativa con SACBO in merito all’aeroporto di Brescia a causa del mancato rispetto degli accordi finora assunti.

Con riferimento alla notizia riportata in questi giorni da alcuni quotidiani relativa ad un accordo tra SACBO e un operatore leader nel settore della logistica e delle spedizioni, CATULLO e SAVE si dichiarano profondamente sorprese e amareggiate per il comportamento della Società di gestione dell’aeroporto di Bergamo in contrasto con tutto quanto finora discusso.
Infatti, dopo la costituzione del polo aeroportuale del Nord Est, lo scorso mese di novembre CATULLO con SAVE avevano avviato  un tavolo tecnico finalizzato ad individuare le condizioni per la gestione congiunta dell'aeroporto di Brescia, con l 'obiettivo di sviluppare lo scalo e il territorio monteclarense. Attraverso la costituzione del tavolo tecnico si creavano le condizioni per superare le querelle legali che hanno impedito per decenni lo sviluppo di Montichiari. 
Abbiamo invece appreso con sorpresa dell’accordo tra SACBO e l’operatore della logistica, parallelo al tavolo tecnico, di cui SACBO ha tenuto all'oscuro CATULLO e SAVE, nonostante una lettera d’intenti condivisa tra le parti finalizzata alla costituzione di una joint venture per la gestione congiunta dell’aeroporto di Brescia. L’ultimo incontro negoziale tra le società aeroportuali si era tenuto lunedì 16 marzo, vale a dire solo due giorni prima della notizia dell’accordo tra l’aeroporto di Bergamo e l'operatore della logistica e delle spedizioni. E' pertanto evidente come i tempi relativi alla  trattativa tra SACBO e l'operatore si siano sovrapposti a quelli degli accordi preliminari in corso con CATULLO e SAVE.
Per tale motivo CATULLO e SAVE, che da parte loro hanno intessuto le relazioni con SACBO sulla base di un comportamento sempre leale e trasparente, ritengono il comportamento di SACBO del tutto censurabile e al di fuori di ogni regola etica, imponendo l'interruzione di qualsiasi ulteriore trattativa con un interlocutore che si è dimostrato inaffidabile, nonostante gli intenti di apertura di CATULLO e SAVE, riservandosi quindi ogni iniziativa in proposito. 

 

Contact: Barabino & Partners                
Ferdinando De Bellis
Tel. 02/72.02.35.35 SAVE S.p.A.
Federica Bonanome
Relazioni Esterne e Stampa
Tel. 041/26.06.233 

Catullo S.p.A.
Sara Biasi
Relazioni Esterne e e Stampa
Tel. 045/8095784

 

Venezia, 24 marzo 2015