viabilita
carbon accreditation
facebook enac
13/01/2012

Aeroporto di Verona: nel 2011 sfiorati i 3,4 milioni di passeggeri trasportati, in crescita del 12% sull’anno precedente. I passeggeri internazionali dei voli di linea crescono del + 43,1%

Aeroporto di Verona: nel 2011 sfiorati i 3,4 milioni di passeggeri trasportati, in crescita del 12% sull'anno precedente. I passeggeri internazionali dei voli di linea crescono del + 43,1%

Verona, 13 gennaio 2012 - Nel 2011 sono stati 3.385.794 i passeggeri transitati dall'Aeroporto di Verona, con un incremento del 12% rispetto allo scorso anno. I passeggeri dei voli internazionali sono stati complessivamente 2.049.021. Verona segna nel 2011 una delle migliori performance di crescita tra gli aeroporti da 1 a 5 milioni di passeggeri, registrando uno share di traffico di quel segmento dell'8,1% nel periodo gennaio-novembre (periodo per cui il dato è disponibile). Significativo che nel mese di novembre, a fronte di un calo complessivo del -3,1% di traffico degli aeroporti di medie dimensioni, Verona cresca del 8,2%. In termini di ricadute sul territorio, è importante registrare che i passeggeri dei voli di linea internazionali crescono del 43,1% sull'anno precedente.

L'inversione di tendenza, dopo due anni di decremento di traffico, è stata determinata dall'apertura al traffico low cost, con l'arrivo a fine 2010 sullo scalo di Ryanair, a cui ha fatto seguito nel 2011 l'arrivo di nuove compagnie aeree tra le più importanti a livello europeo, quali ad esempio Air Berlin e Easyjet, che hanno registrato già nel primo anno di attività fattori di riempimento superiori al 70%. La crescita del low cost è affiancata dalle ottime performance dei vettori di linea tradizionale.

Si è infatti lavorato anche per presidiare i segmenti linea tradizionale e charter, patrimonio consolidato dello scalo. Il Gruppo Meridiana fly-Air Italy è arrivato a servire 20 destinazioni, di cui 14 internazionali e 6 nazionali. Air Dolomiti, compagnia aerea che ha base a Verona e nell'hangar del Catullo svolge la maintenance dei propri aeromobili, continua ad operare con successo alcuni tra i principali collegamenti giornalieri verso gli hub di Monaco e Francoforte, oltre a quello per Vienna. Solo British Airways ha trasportato nell'anno su Londra Gatwick 208.448 passeggeri.

E' stato rafforzato il lungo raggio, con l'apertura di nuove direttrici come Mauritius e Holguin, oltre a confermare la programmazione dello scorso anno su Caraibi, Messico, Capoverde, Kenya, Zanzibar. Lo sforzo è quello di aprire nuove direttrici che compensino le perdite di traffico sulle rotte del Nord Africa, che rappresentavano una componente importante del traffico del Catullo. Si stima che siano stati oltre 180.000 i passeggeri persi a causa della drastica riduzione dei collegamenti con Egitto e Tunisia per le turbolenze politiche dell'area. Dallo scorso dicembre, è stato inaugurato anche un nuovo segmento di traffico, quello delle crociere, grazie alla partnership con MSC e Costa Crociere, leader del settore e Neos, compagnia che vanta una lunga collaborazione con l'Aeroporto di Verona.

"Oggi il mix di traffico vede una predominanza di collegamenti di linea tradizionale pari 54,39%, il segmento low cost che pesa 20,23% e il charter sceso al 20,23%. Stiamo lavorando per costruire nuove partnership per incrementare le destinazioni collegate e il numero di frequenze dei voli – ha commentato Paolo Arena, Presidente dell'Aeroporto di Verona - Negli ultimi tre mesi, Easyjet ha confermato l'apertura del collegamento per Parigi a febbraio 2012. E' stata chiusa la trattativa con Aer Lingus per la rotta su Dublino, con Monarch per la nuova rotta di linea su Manchester e con WizzAir su Bucarest a partire dalla prossima estate. Adria Airways opererà da fine gennaio, due volte la settimana, su Pristina. Lavoriamo anche per incrementare le sinergie con il territorio e stimolare la crescita di traffico, nonostante lo scenario economico e le previsioni della IATA (The Air Transport Association) sulla redditività del settore siano negative."

Londra, su cui operano collegamenti da Verona British Airways, Esayjet e Ryanair, registra un doppio record nel 2011. E' la meta internazionale che cresce di più rispetto al 2010 per passeggeri trasportati ed è la terza destinazione più scelta da Verona su tutti i collegamenti offerti dallo scalo. Le destinazioni internazionali che hanno registrato il maggior incremento di passeggeri sono state dopo Londra, Parigi che ha visto crescere il traffico da 77.805 passeggeri a 130.029 in un anno, Madrid che da 10.578 del 2010 è arrivata a movimentare 61.093 passeggeri. Da evidenziare come contribuiscano alla crescita anche i collegamenti di linea, oltre quelli low cost. Sul fronte delle destinazioni nazionali, ottimi risultati registra Brindisi (53.346 passeggeri in più rispetto al l 2010), Alghero e Palermo. Tra le top destinazioni, più scelte al Catullo, si colloca al primo posto Catania (297.044 passeggeri in un anno), seguita da Roma (287.543) e Londra al terzo posto con 268.169 passeggeri trasportati.