viabilita
carbon accreditation
facebook enac
23/12/2011

Aeroporto di Verona. L’apertura di nuove direttrici e l’entrata in nuovi segmenti di mercato sostengono i risultati di traffico dello scalo che supera i 3.300.000 passeggeri. A dicembre trasportati 110.000 passeggeri in 19 giorni

Aeroporto di Verona. L'apertura di nuove direttrici e l'entrata in nuovi segmenti di mercato sostengono i risultati di traffico dello scalo che supera i 3.300.000 passeggeri. A dicembre trasportati 110.000 passeggeri in 19 giorni

Verona, 23 dicembre 2011 – L'Aeroporto di Verona reagisce alla crisi agganciando nuovi segmenti di mercato, quali le crociere, e potenziando le direttrici di medio e lungo raggio, che stanno riscontrando il maggior gradimento. Lo dimostrano i dati di traffico dei primi 19 giorni di dicembre, che portano il Catullo a 3.300.000 passeggeri trasporti da gennaio.

La crisi spinge i servizi, determinando la crescita della spesa in viaggi e trasporti degli italiani (+13,1% a novembre dei pagamenti con carta di credito per viaggi e trasporti) e la spesa degli stranieri in Italia (+ 4-5% rispetto al 2010). Il mercato del turismo si evolve verso nuove modalità di fruizione e prodotti. Si tende a viaggiare il 25 dicembre o nei giorni delle altre festività per approfittare di prezzi più vantaggiosi

"Viviamo un momento molto delicato, che può tradursi in una grande opportunità di rilancio – ha dichiarato il Presidente Paolo Arena - Il motore commerciale dell'azienda lavora per cogliere a pieno i vantaggi offerti dall'evoluzione del mercato. Lavoriamo per sostenere i flussi in arrivo sul territorio, che hanno ricadute importanti in termini d'indotto, considerando che la spesa dei viaggiatori stranieri crescerà superando quest'anno i 30 miliardi di euro in Italia. Abbiamo individuato e aperto nuove direttrici e segmenti di mercato quali le crociere, graditi ai nostri utenti, puntando sul fatto che la spesa media dei viaggiatori italiani è salita negli ultimi due anni da 449 a 473 euro pro capite".

"Stiamo affrontando, al contempo, con i Soci il tema della nuova governance, che è condizione imprescindibile di sviluppo – ha continuato il Presidente Arena – conclusa con la fine di quest'anno la terza fase dell'operazione di aumento di capitale e poste in essere le prime azioni di efficientamento, a gennaio incontrerò nuovamente i Soci da cui attendiamo indicazioni definitive circa il Piano Industriale, per poter passare alla fase attuativa delle loro indicazioni nei primi mesi del 2012".

Le previsioni di traffico nel periodo delle festività sono buone. La Gran Bretagna, la Germania e la Russia rimangono mercati che generano flussi turistici importanti in arrivo sul territorio. Le grandi città europee e le crociere si confermano i prodotti più richiesti dall'utenza del bacino. Per gli amanti della crociera è stata strutturata un'offerta dedicata, con l'apertura dei voli per Dubai, Abu Dhabi e il Mar Rosso operati da Neos, in partnership con due tra i più importanti operatori del settore, Costa Crociere e MSC Crociere. Londra nel ranking globale dei collegamenti rimane una delle destinazioni con maggior appeal, come pure Vienna, Madrid, Parigi e Berlino. Il mare d'inverno continua ad essere una delle mete preferite dagli italiani per le vacanze natalizie. Da Verona quest'anno sono disponibili voli verso il Mar dei Caraibi (Cancun, Cuba, Repubblica Domenicana), Oceano Indiano (Zanzibar e Mauritius), Kenya e Capoverde, che stanno dando ottimi risultati, con alcuni voli già completi a ridosso delle festività. Sicilia e Roma, raggiungibili con voli operati dal Gruppo Meridiana fly- Air Italy, Wind Jet, Alitalia, Ryanair, si confermano le principali direttrici di traffico nazionale. Air Dolomiti/Lufthansa con tre voli giornalieri per Monaco e tre voli giornalieri per Francoforte si conferma il vettore leader per i collegamenti con la Germania, oltre ad Air Berlin che collega Verona con Berlino e Düsseldorf.

Le previsioni di traffico per le prossime festività natalizie sono al momento in linea con l'indice di gradimento registrato lo scorso anno dai passeggeri del Catullo. Le destinazioni in cima alla classifica, in tema di corto raggio, lo scorso inverno, dal 24 dicembre al 10 gennaio, erano state Catania con 15.531 passeggeri trasportati, Palermo che aveva registrato 11.303 passeggeri e Roma, che con 10.409 passeggeri si collocava al terzo posto nella graduatoria delle destinazioni italiane. Come di consueto avevano riscosso grande successo i long week end nelle capitali internazionali, quali Mosca che si era confermata in testa con 6.481 passeggeri, con a seguire a breve distanza Londra con 6.140 passeggeri e Francoforte con 5.487 passeggeri trasportati.