viabilita
carbon accreditation
facebook enac
23/05/2006

IL CATULLO SI RINNOVA E RADDOPPIA

E’ stata inaugurata oggi, 23 maggio, alla presenza del Viceministro ai Trasporti Cesare De Piccoli e del Vicepresidente della regione Veneto Luca Zaia, la nuova stazione arrivi dell’aeroporto Valerio Catullo di Villafranca di Verona. La struttura raddoppia la capacità di accoglienza dei passeggeri con uno sviluppo di oltre il 100 per cento. L’intervento sul terminal degli arrivi consente inoltre le liberazione di spazi nel corpo originale dl Catullo, con una conseguente crescita dell’area partenze che, in una fase successiva, godrà di un’espansione di altri 3000 metri quadri.
Il programma e le immagini dell'evento NUOVI SPAZI IN ARRIVO
Il settore arrivi e restituzione dei bagagli cresce da 1500 a 3100 metri quadri all’interno del nuovo edificio da 6500 metri quadri, comprensivo di un’ampia gamma di servizi di accoglienza per una spesa di nove milioni di euro. A partire dal prossimo 30 maggio, la nuova area sarà aperta al pubblico ed entrerà in piena operatività, così da rispondere, con un’offerta di servizi di accoglienza di buon livello, ai picchi di presenze compresi tra giugno e agosto, quando il traffico mensile si raddoppia rispetto agli altri mesi dell’anno. In seguito all’espansione voluta dalla società di gestione del Catullo – operativa accanto alla Gabriele D’annunzio Spa di Brescia Montichiari - lo scalo veronese è ora in grado di accogliere più di quattro milioni di passeggeri l’anno, con un notevole passo avanti rispetto agli attuali due milioni 700 mila. L’adeguamento delle strutture operative a una realtà in crescita nei prossimi anni, prevede un incremento dei caroselli per la riconsegna dei bagagli: quattro nastri a cui aggiungerne un quinto per la restituzione dei colli fuori sagoma. Rispetto al vecchio servizio, l’aerostazione garantisce ora quasi il 70 per cento di sviluppo nastri in più. Sei sono le postazioni per il controllo dei passaporti, a cui si affiancano nuovi negozi, bar, basi per il noleggio auto e per i tour operator, sala per il cerimoniale di Stato, uffici informazioni e lost %26 found, servizio cambio, installazioni promozionali di Provincia e Camera di Commercio di Verona.
INNOVAZIONI NELL’AREA PARTENZE
L’apertura del nuovo terminal arrivi porterà già da quest’estate riflessi positivi sulla stazione storica del Valerio Catullo: nell’immediato, l’area partenze godrà di un allargamento di un migliaio di metri quadri in cui saranno aperte quattro nuove sale d’imbarco, con l’aggiunta di tre varchi per i controlli di sicurezza e la realizzazione di uno spazio di gioco per i bambini. Procede nel frattempo la definizione del progetto da 10 milioni di euro per la ristrutturazione completa del settore partenze, con l’obiettivo di migliorare la capacità di servizio a favore dei passeggeri. I punti di check-in passeranno da 30 a 50, i varchi per il controllo di sicurezza da 6 a 10, le sale di imbarco si estenderanno da 1400 a 3000 metri quadri e le aree commerciali a disposizione dei viaggiatori da 2200 a 3700 metri quadri. Contestualmente sarà realizzata la nuova viabilità di fronte all’aerostazione, con la costruzione di rotonde che faciliteranno ulteriormente l’accesso e il deflusso dall’aeroporto. Già per il 2007 è prevista, vicino al nuovo terminal arrivi, la realizzazione di una palazzina destinata ad ospitare gli uffici dei rent-a-car. E’ allo studio inoltre la realizzazione di due parcheggi multipiano che saranno in grado di moltiplicare l’attuale numero di spazi auto disponibili.
RISULTATI DEL QUADRIMESTRE
Gli interventi in arrivo e lo sforzo economico sostenuto dalla società di gestione degli Aeroporti Sistema del Garda, sono supportati dai risultati brillanti ottenuti dal Catullo nel corso dell’ultimo quadrimestre. Tra gennaio e aprile 2006 si è registrata una crescita nel numero dei passeggeri che ha sfiorato il 15 per cento confrontato con lo stesso periodo del 2005. Il dato più incoraggiante rispetto ai segnali di ripresa del settore, arriva dai trasporti internazionali che a Verona sono cresciuti di quasi il 18 per cento, con punte del 23 e mezzo per cento nei voli di linea. Il traffico nazionale è salito del 10,60 per cento e di oltre il 17 per cento nel periodo pasquale. L’andamento di aprile apre buone prospettive per la prossima estate: i passeggeri sono cresciuti del 26 per cento, con una performance record legata alle tratte internazionali: 39 per cento di crescita nei voli di linea, 27 e mezzo nei charter.